Varenna

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Varenna

Oggi mi sono svegliata un po’ sconsolata, domenica e il meteo dava ovviamente pioggia.

Con ancora un briciolo di ottimismo controllo il mio fedelissimo sito, meteo.it, e, sorpresa sorpresa, la pioggia è prevista nel pomeriggio.

Nulla di organizzato, mio marito impegnato col lavoro fino a tarda mattinata, ma nessun problema, ci penso io!

Meta del giorno Varenna, il borgo degli innamorati in provincia di Lecco, facile da girare anche all’ottavo mese di gravidanza, non necessita di troppo tempo per essere esplorato con calma, ma soprattutto vicino a casa (in macchina, partendo da Monza, ci abbiamo messo esattamente un’ora e dieci).

Partiamo poco prima di pranzo, cani al seguito e via!

L’unica pecca di questa gita ‘toccata-e-fuga’, il parcheggio! Un incubo! Ovviamente tutti a pagamento e tutti PIENI!

Ma non demordete, girando e attendendo pazientemente, potrete trovarlo.

Noi abbiamo parcheggiato nell’Autosilos (cinque piani, fate attenzione perché molti dei parcheggi all’interno sono riservati, nel week end il costo è di 2€ all’ora), ma nonostante la grandezza c’era la fila per entrare.

Abbiamo lasciato la macchina, sospiro di sollievo, e ci siamo diretti verso i ‘200 passi per una vista romantica!’ proprio davanti al parcheggio.

Una scalinata ci ha condotti al livello del lago, una piccola nicchia di rocce (attenzione a non scivolare!) dove ci siamo seduti a mangiare i nostri panini e a far divertire un po’ i cani.

Finito il pranzo e dopo aver preso un po’ di sole, siamo risaliti e abbiamo iniziato la nostra passeggiata alla scoperta di Varenna.

Il percorso è molto semplice, noi abbiamo seguito prima la via centrale, prevalentemente ombreggiata e quindi perfetta per le giornate calde, per poi scendere su quella del lungo lago.

Come già detto avevamo il pranzo al sacco, ma Varenna è piena di locali e ristoranti davvero suggestivi, con tavolini all’aperto che affacciano direttamente sul lago e meritano una bella sosta, subito di fianco all’Autosilos (se arrivate verso l’ora di pranzo) c’è il ristorante dell’Hotel Villa Cipressi, con il suo giardino botanico e la terrazza all’esterno con una vista magnifica dove poter mangiare e rilassarsi.

Non avendo provato personalmente nessuno dei ristoranti, non posso consigliarveli (se non per la location!), ma in compenso ci siamo fermati a mangiare un ottimo gelato artigianale alla Gelateria La Passerella, locale piccolino e senza tavolini, ma all’esterno è presente una spaziosa scalinata all’ombra, con dei cuscini appoggiati sui gradini, dove i clienti possono prender posto e mangiare. Originale e davvero grazioso.

Merita attenzione anche la rinomata Passeggiata degli Innamorati, una passerella che costeggia le acque cristalline, piuttosto affollata di domenica, ma comunque facile da percorrere anche con i cani.

Passeggiata degli Innamorati

Aspettandoci la pioggia e non avendo più moltissime energie (essendo ormai a gravidanza inoltrata), siamo rimasti solo fino alle quattro del pomeriggio, riuscendo comunque a goderci la passeggiata in tutta tranquillità e fermandoci di tanto in tanto.

Per chi ha a disposizione più tempo, ci sono Ville e Chiese da visitare, si può anche prendere il battello che porta ai paesi della riva opposta (come Bellagio e Menaggio), oppure, per un’esperienza ancora più unica, si può usufruire di uno dei servizi di noleggio barca, per poter navigare il meraviglioso lago in autonomia (quest’ultimo servizio è un po’ più caro, ma ne vale sicuramente la pena.).

Il paese è caratterizzato da vicoli che affacciano sul lago, piante e fiori profumati, un susseguirsi di locali e ristoranti e con pochi negozietti qua e là.

Scorci sul lago

Nel complesso Varenna è un piccolo borgo davvero particolare, ottima meta soprattutto per chi non ha moltissimo tempo a disposizione e ama visitare paesi suggestivi.

Potrebbe interessarti anche...

Lombardia
Eleonora Vucetich

Cascate di Ferrera

Domenica siamo andati nuovamente all’avventura, meta del giorno Cascate di Ferrera (VA). Piccola premessa: forse non era una passeggiata propriamente adatta alle donne in gravidanza

Read More »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *